“COPYRIGHT, tutti i diritti riservati all’autore”

Matonti Di Simona Elia

È estate anche qui, nella polvere fitta a ridosso dei pozzi,

tra le pietre stanche di sole, le cicorie ribelli e i cardi.

Filtrano strali di luce, sulle ombre fresche e dilatate

dei fichi d’india e degli olivi sul pendio.

Traforano con mano sapiente liquida dolcezza di aria contorta

i rami incardinati nel vento caldo del giorno che va.

E va l’estate, intensa sorpresa di cose nuove eppure già scritte,

nei codici ruvidi degli usci, a violentare solitudini stanche,

pieghe profonde di facce incolte e la fatica delle ceste dolci di frutta sul capo.

E va l’estate e respira respiri aspri di sole,

sui gradini disfatti delle scale bianche di zucchero e farina,

tra botti e fiaschi di vino bugiardo,

rossa di sangue e “cerase”, bruna di vita dolente,

dorata e oleosa lungo il frantoio che s’ insinua tra le case.

È estate anche qui, tra i muriccioli sconnessi,

all’aria tremante nella pozza secca di calura,

con l’erba rada e asciutta e i monti a distanza esatta d’infinito;

tra brocche d’avorio, canti d’ebbrezza e accenti di sagra

a sussurrare ritmi di festa negli anfratti bui e desolati del paese.

E va l’Estate e colora l’acquerello delicato all’imbrunire

prima dell’autunno, che pure sarà, a mitigare gravide ilarità di sole

coi nettari buoni d’uva raccolta , il profumo acre di tempo che scorre

e i taralli col naspro agrumato al limone.

Lunga nel tramonto, è la lingua di vinaccia esplosa nel cielo,

e fascinoso il tormento di brezza

nel crepuscolo silente a palpitare note dolci di sera.

Sapore pungente di gelso ha il ricordo.

Sulla pelle un brivido parla di te.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This